Menu

Blog

Caro  Paolo Rumiz, sull’Asinara non sono d’accordo

Caro Paolo Rumiz, sull’Asinara non sono d’accordo

Ho sempre amato Paolo Rumiz e il suo gusto per raccontare il viaggio quello che, per dirla con Saramago, non è mai definitivo. Ecco, questa sua leggerezza, mista ad una pignoleria che Rumiz pone sull’attenzione alle piccole cose, mi ha semp…re entusiasmato e da anni lo seguo, nei suoi viaggi in Italia e nel mondo. […]

Risposta a Paolo Ruiz all'articolo su Repubblica 3/8/2011, a proposito dell’Asinara

Risposta a Paolo Ruiz all’articolo su Repubblica 3/8/2011, a proposito dell’Asinara

Ho sempre amato Paolo Rumiz e il suo gusto per raccontare il viaggio quello che, per dirla con Saramago, non è mai definitivo. Ecco, questa sua leggerezza, mista ad una pignoleria che Rumiz pone sull’attenzione alle piccole cose, mi ha semp…re entusiasmato e da anni lo seguo, nei suoi viaggi in Italia e nel mondo. […]

San francesco e il lupo (incontro con Totò Riina)

San francesco e il lupo (incontro con Totò Riina)

Era il vento che disegnava i contorni limandoli e rendendoli più freddi. Gli occhi, fessure che non guardavano,ma voracemente scansionavano tutti i movimenti. Come preda in gabbia, come fermo immagine che attendeva lo scatto ma non poteva perché sapeva che quello non era il momento e che, forse, dentro quest’isola quel momento non sarebbe mai […]

Arrivavano dal cielo (i mafiosi all'Asinara)

Arrivavano dal cielo (i mafiosi all’Asinara)

Arrivavano dal cielo, come cavallette che volevano divorare i campi, dentro nuvole accovacciate sull’isola. Erano rumori lontani, antichi, che da queste parti non si sentivano da molto tempo. Rumori di guerra in tempo di pace. Una pace che ribolliva e aveva gli sguardi di giudici che da queste parti c’erano stati e avevano scritto il […]

Nasce Gagli-OFF, per l'inclusione sociale dei detenuti - 21 luglio 2011

Nasce Gagli-OFF, per l’inclusione sociale dei detenuti – 21 luglio 2011

In rete per dare un’opportunità lavorativa a soggetti detenuti e ridurre il rischio di recidiva. L’individuazione dell’inserimento occupazionale più adatto in base al profilo criminologico della persona: coinvolti 56 detenuti di Cagliari e Iglesias. Al via in questi giorni la seconda parte del progetto, dedicata a donne vittime di violenza, in collaborazione con alcune associazioni. […]

La sostenibile leggerezza di chiamarsi

La sostenibile leggerezza di chiamarsi “compagno”

Suono malissimo la chitarra. E’ sempre stato un mio cruccio. Strimpello senza grande maestria e spero sempre di migliorare. Ho imparato anche io gli accordi con “la canzone del sole” di Lucio Battisti ma non sono mai riuscito a cantare con il tempo giusto. Antonello Colledanchise diceva di me, in un periodo in cui ci […]

Amici e compagni, vicini e lontani….

Suono malissimo la chitarra. E’ sempre stato un mio cruccio. Strimpello senza grande maestria e spero sempre di migliorare. Ho imparato anche io gli accordi con “la canzone del sole” di Lucio Battisti ma non sono mai riuscito a cantare con il tempo giusto. Antonello Colledanchise diceva di me, in un periodo in cui ci […]

le convergenze parallele

le convergenze parallele

Vi sono sempre mille rivoli che si incontrano nei destini degli uomini. Oppure si nutrono di similitudini ma non riusciranno mai a seguire la stessa strada. Vivranno una vita parallela. Non sapranno, neppure, di aver calpestato la stessa terra. Eppure mi piace pensare alle “convergenze parallele” una locuzione coniata proprio da Aldo Moro che dentro […]

La persecuzione di Berlusconi (e l’ossessione)

La persecuzione di Berlusconi (e l’ossessione)

Parto da una piccola e curiosa affermazione dell’Onorevole Cicchitto che ha rilasciato, chiosando sulla giustizia, l’altra sera a Ballarò: “Se Berlusconi fosse stato inquisito una o due volte, il problema non si porrebbe. Sarebbe una semplice operazione giudiziaria. Ma siccome è stato inquisito dal 1994 ad oggi oltre 34 volte, allora è una persecuzione.” Ho […]

Il nostro nuovo orizzonte?

Il nostro nuovo orizzonte?

Era una sera lontana, con parole difficili da ricordare. Seduto su un divano di falsa pelle ascoltavo in silenzio il ronzio dei pensieri che apparivano nella mia mente aperta e sgombra. Era la fine degli anni 60. Un 12 dicembre. Per me un’attesa per i regali. E invece, quel televisore cominciò a vomitare strane immagini […]