Menu

Tag : passione

Marlon Brando è sempre lui.

Marlon Brando è sempre lui.

Oggi avrebbe compiuto 93 anni il più grande attore statunitense. Perlomeno il più carismatico. Parlo naturalmente di Marlon Brando che non ha girato nella sua carriera moltissimi film (poco più di una quarantina) ma ha certamente girato quelli giusti. Soprattutto Apocalypse now, il film ispirato al romanzo “Cuore di tenebra” di Joseph Conrad (consiglio: leggetelo […]

Quando c'era il Mago Zurlì  i gatti erano sempre quarantaquattro

Quando c’era il Mago Zurlì i gatti erano sempre quarantaquattro

Son cresciuto con Popoff, i quarantaquattro gatti sempre in fila per tre con il resto di due, Richetto e il Mago Zurlì. Sono stati per anni le mie grandi certezze: ero convinto che il Mago Zurlì fosse davvero un mago e che Richetto fosse davvero un bambino che non riuscisse ad andare oltre la seconda […]

Le ragazze dell'Est.

Le ragazze dell’Est.

E’ nata il primo giorno di primavera a Praga, il 21 marzo 1978. Parliamo di una ragazza dell’est, donne che di questi giorni vanno molto di moda. Lei è Alena Šeredová, modella bellissima ed ex moglie di Gianluigi Buffon che non risponde però ai canoni della trasmissione “Parliamone sabato” talk show condotta da Paola Perego […]

la vita del bracciante e la dignità.

la vita del bracciante e la dignità.

Bracciante è una parola antica. Quasi dimenticata in un mondo dove tutto scorre fluido e velocissimo. È lavoro manuale, gonfio di fatica e di sudore. Lontano dalle nostre città, dai nostri non luoghi quotidiani, dalla scuola dove ci sono i nostri figli pronti ad imparare come si diventa city manager, advisor, man fashion, promoter, printer. […]

Quando c'erano le poste.

Quando c’erano le poste.

Articolo apparso sulla Nuova Sardegna del 5 gennaio 2017 C’era la fila e il caldo appiccicoso nell’atrio piccolo e disadorno. Neppure i quadri. Le signore cercavano in tutti i modi di gestire la precedenza all’interno della fila a modo loro. Con furbizia e circospezione. Le più scaltre accampavano le scuse più incredibili: i bambini lasciati […]

Bisogna saper perdere, cara Dinamo

Bisogna saper perdere, cara Dinamo

E’ facile scrivere delle vittorie e degli eroi. E’ appassionante narrarne le gesta, caracollare verso esercizi di stilistica e di retorica, riempire le frasi di metafore legate all’unicità, alla plasticità dei gesti. Più difficile, sicuramente, è raccontare le sconfitte, riconoscere i propri errori, applaudire l’avversario. Ecco perché il personaggio del giorno è la Dinamo Sassari […]

Questa terra è la mia terra. (editoriale apparso sulla Nuova Sardegna del 27.4.2016)

Questa terra è la mia terra. (editoriale apparso sulla Nuova Sardegna del 27.4.2016)

Il vecchio capo indiano, segnato dalle rughe di troppe primavere, si sedette su un monte e non voleva saperne di lasciare il suo villaggio. Quando il nuovo americano gli chiese perché non volesse andare da un’altra parte, in una riserva più bella e assolata lui, muovendo pochissimo gli occhi e spingendo le rughe sugli zigomi […]

Ci vuole un fisico bestiale: come quello di Francesco Totti e Valentino Rossi.

Ci vuole un fisico bestiale: come quello di Francesco Totti e Valentino Rossi.

  Ci vuole un fisico bestiale cantava in una vecchia canzone Luca Carboni. Il fisico per chi partecipa a competizioni sportive è tutto. Chi è più giovane ha un fisico più fresco, sicuramente più adatto alla resistenza. Certo, un fisico bestiale non basta. Ci vuole anche la classe, la fantasia, l’arguzia, l’istinto. Ci sono sportivi […]

In morte di Antonia Dettori

In morte di Antonia Dettori

Guardare con gli occhi di una sarda. Questo era il prodotto delle fotografie di Antonia Dettori. Forti, secche, spigolose come la vita. Però non basta la retorica per dipingere una storia. Io Antonia l’ho conosciuta. Perché scriveva e ci eravamo scambiati alcuni punti di vista sul racconto e su come si costruiscono le storie. Io […]

Chi vespa mangia l’anguria

Chi vespa mangia l’anguria

Non ho mai posseduto una vespa, nel senso di motocicletta. Ho sempre amato le auto e sono passato dalla bicicletta alla Dyane. Probabilmente mi sono perduto qualcosa. Mio cugino, invece, possedeva una vespa. Nel 1982, l’anno in cui l’Italia vinceva i mondiali di calcio in Spagna lui venne in Sardegna con la vespa, meglio con […]