Menu

Archivio Annuale: 2022

Camici, pigiami e assessori. (La Nuova Sardegna, 13 luglio 2022)

Camici, pigiami e assessori. (La Nuova Sardegna, 13 luglio 2022)

Ho telefonato per fissare un appuntamento con un medico  specialista. La risposta mi ha lasciato senza parole: “Le mie sono tutte visite intra moenia, non ho ambulatorio e pertanto sono state tutte bloccate dalla decisione dell’Assessore”. Ha aggiunto di provare a prenotare al CUD cosa che ho fatto: la prima data utile per la mia visita […]

L'evoluzione della criminalità in Sardegna (La Nuova Sardegna 20 giugno 2022)

L’evoluzione della criminalità in Sardegna (La Nuova Sardegna 20 giugno 2022)

Tutti i più grandi magistrati ed osservatori del fenomeno criminoso sostengono che la mafia segue i “piccioli” e in Sardegna di soldi e di grandi interessi ve ne sono pochi. Questo ha comportato, negli anni, a scegliere l’isola come sede per molti detenuti sottoposti al regime di 41 bis, innescando molte polemiche sulla possibilità che […]

Perché

Perché “il re” è una fiction sbagliata.

Ho aspettato che venisse posta la parola fine alla serie “Il re” ambientata in un carcere immaginario italiano e ben interpretato da Luca Zingaretti ed Anna Boaniuto. Ho aspettato perché le mie perplessità erano molte e ho sperato, sino alla fine, che gli sceneggiatori potessero riparare a qualche sbavatura, a qualche eccesso e a molti […]

Anche se ci crediamo assolti (sardegnablogger 10.2.2022)

Anche se ci crediamo assolti (sardegnablogger 10.2.2022)

Il mestiere più difficile è quello di genitore. Possiamo utilizzare le migliori strategie, leggere pagine di libri di pedagogia, domandare aiuto ad esperti di psichiatria infantile, chiedere miracoli alle varie Madonne sparse in tutto il mondo ma difficilmente tutto andrà come pensiamo: i figli hanno canoni diversi (o inversi, chissà), sono lago dove noi vediamo […]

Il Limite e la decenza (sardegnablogger)

Il Limite e la decenza (sardegnablogger)

Credo ci debba essere un limite alla decenza. Lo predico da anni e lo pretendo soprattutto dai giornalisti. Questo perché anche io faccio parte dell’ordine, come pubblicista. Sono abituato per formazione professionale (nel mio mestiere all’interno del Ministero della Giustizia) a soppesare bene le notizie che riguardano gli uomini, a trattare le persone come soggetti di […]