Menu

Archivio Annuale: 2015

Volare partendo dal basso!

Volare partendo dal basso!

Per chi viaggia spesso in aereo sulla tratta Roma Fiumicino con la compagnia Alitalia sa benissimo che difficilmente si riesce a partire dai piani nobili dell’aeroporto se la destinazione è la Sardegna. Non è chiaramente una discriminazione ma curiosamente accade sempre che i gate (ovvero le uscite) vengano regolarmente modificate e dalla B1 o B7 […]

Maroni, il rassismo, l’elicriso e i marroni.

Maroni, il rassismo, l’elicriso e i marroni.

Il problema non è il razzismo. Il problema sono i modi e le rappresentazioni. Prendete Maroni, il fido Maroni, il moderato Maroni, l’uomo delle istituzioni Maroni, quello che è stato Ministro del lavoro e dell’interno, uno che dovrebbe perlomeno capire quando c’è da governare e quando c’è da buttarla in demagogia. Questo signore, insieme a […]

Le lacrime di Pirlo e la coppa del Barcellona

Le lacrime di Pirlo e la coppa del Barcellona

Parto dalle lacrime di Pirlo. E da quelle di Buffon che saluta i suoi tifosi. Probabilmente per loro sarà difficile un’altra finale. Sono stati campioni del mondo proprio qui, sotto questo cielo e stasera, invece vedranno alzare la coppa al Barcellona. Come da pronostico. Ma non è questo il punto. Parlo dell’arbitro che poteva fischiare […]

Si vince quando si perde. La storia di Fabio Aru

Si vince quando si perde. La storia di Fabio Aru

Io l’ho visto che raggranellava boati di ossigeno e provava a cancellare la fatica. L’ho visto che raccoglieva tutta la forza che aveva negli anfratti delle sue possibilità L’ho visto piegarsi e barcollare, giunco che non si spezza, esile e silente, mentre davanti c’era la salita: il Mortirolo. Quella montagna ha sempre qualcosa di magico: […]

26 maggio. In Australia è la giornata del dispiacere. E da noi?

26 maggio. In Australia è la giornata del dispiacere. E da noi?

Chissà perché  ma mi piacerebbe davvero tanto che il “National Sorry day” –  ovvero la giornata nazionale del dispiacere –  venga  istituita anche in Italia. L’idea nasce in Australia nel 1998 per rendere noti i torti commessi ai danni delle famiglie indigene ed è anche una giornata della memoria per ricordare i maltrattamenti subiti dal popolo […]

La strana elezione di Oscar Luigi Scalfaro.

La strana elezione di Oscar Luigi Scalfaro.

Io, se devo essere sincero, non ho mai amato questo signore dall’aria ottocentesca, tardo borghese e con un piglio troppo autoritario. Di lui, infatti, ricordo quelle tre parole scandite con forza quando si paventò il suo coinvolgimento in trame oscure e in pagamenti occulti con i servizi segreti,  quando era Ministro dell’Interno: “n-o-n  c-i  s-t-o!. […]

Il senso dell'etica di Don Pino Puglisi

Il senso dell’etica di Don Pino Puglisi

“Me lo aspettavo”. Le cose si sentono in terra di mafia. Hanno il colore del piombo e il rumore sordo di un colpo alla nuca. Sono i gesti e la ricerca di soluzioni  che non fanno ragionare le bestie feroci, quelle che non capiscono il rumore delle parole. Così hanno ucciso Don Pino Puglisi, il parroco […]

Morte di un commissario.

Morte di un commissario.

  Ci sono ricordi sordi, fotogrammi indelebili di qualcosa che passa per il tuo orizzonte e si ferma. Un’istantanea che dura tutta una vita. A tredici anni poi, il ricordo diventa solido. I miei tredici anni hanno due passaggi fondamentali: Marilena e il Commissario Calabresi. La prima fotografia è Alghero dentro il maestrale: piazza Sulis. […]

Un mondo nel cuore.

Un mondo nel cuore.

I matti sono quei gusci pieni di colori che le persone normali non sanno usare. Hanno uno sguardo laterale, i matti. E hanno risposte semplici per le cose complesse, ma si complicano tutto quando si tratta di risolvere le cose semplici. Hanno anche parole rissose, che non trovano mai posto nel vocabolario della “normalità”. I […]

Tra Montecarlo e la velocità.

Tra Montecarlo e la velocità.

Il 10 maggio 1975 era una domenica. Di quelle dolci, di quelle che disegnano una giornata dall’aria evocativa, di quelle da ricordare. I miei sedici anni erano spalmati tra la scuola, gli amici, il calcio e la formula uno e le automobili rappresentavano, per me l’universo della perfezione, adrenalina pura. Correre per vincere significava migliorare, […]