Menu

Archivio Mensile: maggio 2011

La persecuzione di Berlusconi (e l’ossessione)

La persecuzione di Berlusconi (e l’ossessione)

Parto da una piccola e curiosa affermazione dell’Onorevole Cicchitto che ha rilasciato, chiosando sulla giustizia, l’altra sera a Ballarò: “Se Berlusconi fosse stato inquisito una o due volte, il problema non si porrebbe. Sarebbe una semplice operazione giudiziaria. Ma siccome è stato inquisito dal 1994 ad oggi oltre 34 volte, allora è una persecuzione.” Ho […]

Il nostro nuovo orizzonte?

Il nostro nuovo orizzonte?

Era una sera lontana, con parole difficili da ricordare. Seduto su un divano di falsa pelle ascoltavo in silenzio il ronzio dei pensieri che apparivano nella mia mente aperta e sgombra. Era la fine degli anni 60. Un 12 dicembre. Per me un’attesa per i regali. E invece, quel televisore cominciò a vomitare strane immagini […]

Ritorno a sinistra

Ritorno a sinistra

Ritorno, “a passi tardi e lenti” , a rivisitare le impressioni di questa campagna elettorale che mi vede coinvolto, soprattutto, come cittadino e quindi, come attore principale di una scelta che dovrà, in qualche modo, caratterizzare il futuro di una città. Ho riflettuto parecchio sulle cose dette ieri sera da Bersani e da Zedda e, […]

Alla ricerca dell’alba

Alla ricerca dell’alba

Occhiali che si incontrano e piccoli sorrisi. Barbe, pochi baffi, qualche cravatta rigorosamente blu, jeans che vacillando tra la falsa bancarella e l’ostentazione di una J tutta d’argento. Camicie quadrettate di morettiana memoria che Nanni non usa più (adesso gira le televisioni in blu e cravatta rossa, per dire) e libri. Si vendono (solo la […]

Gli sguardi e la perfezione

Gli sguardi e la perfezione

Gli sguardi hanno un peso specifico e delocalizzano i pensieri. Servono per rispondere ad altri sguardi o servono, semplicemente per allontanare. C’è un modo di vedere le cose in maniera lontana e distaccata. C’è un modo di osservare ciò che sembra cristallino, chiaro, deciso e irremovibile. E’ il modo astratto di pesare la forza di […]

La beatitudine e la contraddizione

La beatitudine e la contraddizione

Gli sguardi hanno un peso specifico e delocalizzano i pensieri. Servono per rispondere ad altri sguardi o servono, semplicemente per allontanare. C’è un modo di vedere le cose in maniera lontana e distaccata. C’è un modo di osservare ciò che sembra cristallino, chiaro, deciso e irremovibile. E’ il modo astratto di pesare la forza di […]