Menu
ma le armi uccidono?

ma le armi uccidono?

La cosa stupefacente è che siano gli americani a denunciare che una fabbrica di Domusnovas produca armi che uccidono le persone. Stupefacente per due semplici motivi: gli americani sono, da sempre, produttori di armi nel mondo tanto che le lobbies decidono, di fatto, le sorti dei vari presidenti USA e da che mondo è mondo le armi, contrariamente a quanto pensano alcuni, uccidono le persone. Non ci sono, in questo campo armi buone o armi cattive. E il vecchio esempio del coltello in questo caso non serve: le armi, infatti, non sono utilissime per tagliare il pane. Stabilito questo – che le armi sono uno strumento di morte – sorge spontanea un’altra domanda, più complessa: perché ci indigniamo delle armi prodotte a Domusnovas? Perché le abbiamo vendute – pare – a degli stati canaglia e che uccidono i civili. Le abbiamo vendute contro una serie di trattati internazionali. La realpolitik ragiona in questa maniera: le armi sono strumenti di morte ma non possiamo venderle a chi non sta dalla nostra parte e negli ultimi anni “la nostra parte” l’hanno sempre decisa nella stanza di bottoni oltre oceano. Insomma: non sarebbe stato più semplice condannare – a prescindere, direbbe Totò – la produzione di armi e chiudere, definitivamente la fabbrica che produce morte di Domusnovas? Perché dobbiamo sempre infarcire tutto con molta ipocrisia? O, forse, quella fabbrica da lavoro a delle famiglie e quindi è meglio che continui a produrre armi da consegnare per le belle battaglie di democrazia e libertà?

Lascia un commento