Menu
Il ballo della mediocrità.

Il ballo della mediocrità.

Non sono le cose che sembrano più giuste e semplici
che si rivelano, in conclusione, le più oscure e difficili?
(Pier Paolo Pasolini, Teorema, 1968).

Ho riflettuto molto, in questi giorni dietro questa frase che, chiaramente è inserita in un contesto diverso da quello odierno ed è incastrata, soprattutto, all’interno di un libro che seppure sublime, è dannatamente complicato. La frase è estrapolata dalla poesia “Sete di morte” dove si percorre, a nervi scoperti, la diversità di Pasolini, una diversità che ha un fulcro metaforico e che può servire anche a ragionare su cose “meno alte”. La poesia contiene un’altra frase che reputo bellissima: “Chi mi ha reso diverso (cosa meravigliosa) mi è stato vicino.”
Pasolini si riferisce, ed è ovvio, alla sua omosessualità vissuta in un periodo che appariva – ai suoi occhi almeno –  oscurantista, che prevedeva questa odiosa “malattia” o vizio “inaccettabile e inaudito.” Eravamo nel  1968 ed eravamo agli albori della forte ideologia che avrebbe caratterizzato gli anni a venire.
Perché, però, rivangare vecchie frasi che appartengono, apparentemente, a un vecchio libro che nessuno legge più? Che è un concentrato di polvere antica, depositata negli anni? Perché Pasolini, nella sua terribile lucidità, qualcosa la diceva e aveva la forza e la potenza che solo un poeta può avere: il peso docile delle parole.
E allora, perché crediamo che sia così semplice comprendere che oggi viviamo tempi terribili, bui, cattivi e maledetti, dove non vi è forza di comprendere, di mediare, dove è chiaro, è terribilmente lapalissiano che respiriamo all’interno di un’immensa bolla di demagogia, che non c’è nessuno spazio per la cultura, per la curiosità di conoscere, non vi è nessuno che scommette sulla ricerca, sui giovani. Perché nessuno riesce a capire che queste sono cose, per dirla con Pasolini, giuste e semplici? Proprio perché queste cose si rivelano le più “oscure e difficili”. Proprio perché nascondono una verità semplice e lineare, proprio perché è incredibile che la gente possa crederci, perché è chiaro che si recita nel teatro dell’assurdo, perché ci sono persone che davanti alla logica e alla naturalezza delle cose esprimono l’esatto contrario. Pensate, davanti a questa censura strisciante di gretti insulsi, qualcuno arriva e ha sempre la soluzione adatta ad ogni circostanza: dalla fame nel mondo, al contrasto tra  i popoli, all’elezione del presidente della Repubblica. Avevo visto molte cose nella mia adolescenza convulsa e provocatoria. Ma non ero mai riuscito a vivere questa bassezza e povertà di idee, questa semplicistica e innaturale conclusione, questa modestissima e oscura viltà. Non ci sono più i poeti e la loro grande e infinita diversità. Viviamo in un firmamento di pensieri mediocri. E’ questo che mi addolora. Più di ogni altra cosa.

Lascia un commento