Menu
I burocrati e i politici

I burocrati e i politici

Diciamoci la verità: non sappiamo più che dire, chi difendere e cosa difendere.
Una volta sembrava tutto facile, c’era l’ideologia che ti veniva in soccorso. Non capivi le scelte ma le approvavi perché chi ragionava nel partito ne sapeva più di te. Adesso è tutto dannatamente difficile e a prender posizione si rischia la forca mediatica ogni attimo: sei per il MES?
E’ una scelta ideologica.
Non sei per il MES? E’ una scelta post-ideologica.
Tu, per come la giri la giri, sei convinto che questo maledetto MES sia qualcosa di complicato ed è meglio lasciar perdere.
Vogliamo parlare del Recovery found? E delle benedette cabine di regia? Quante ne hanno fatte, costruite, riviste, analizzate? Serviranno a far muovere i soldi e l’economia del paese? Chissà. Il pericolo sembra sia la burocrazia. Come se al mercato, la mattina, il popolo avesse deciso di “burocratizzare tutto”. Non è ovviamente così e le scelte amministrative, seppur dolorose, servono per sugellare quei famosi paletti contro la corruzione.
Il Recovery found sono soldi. Come il MES. Molti soldi. Troppi da far impazzire chiunque. Ecco che i vari personaggi che chiedono di snellire, di velocizzare, di far ripartire l’economia qualche domanda me la pongono. Chi sono costoro? Salvatori della patria? Imprenditori che hanno a cuore i loro  dipendenti?
Può darsi, ma permettetemi di diffidare. Su un punto però sono d’accordo con Matteo Renzi, quando contesta la scelta di bravi manager esterni che si occupino dei soldi dello Stato.
Lo Stato, nella sua elefantiaca programmazione, ha bravi dirigenti e ottimi funzionari che potrebbero far ripartire questa benedetta economia.
Vuoi vedere che sono i politici a giocarsela sempre sul filo dell’ideologia e se la prendono sempre con la maledetta burocrazia che vuol verificare con chiarezza qualsiasi passaggio?
Difficile governare. Certo. Sarebbe più semplice cominciare a governare con i burocrati  piuttosto che farsi governare dale leggi che, guarda caso, essi stessi hanno contribuito a scrivere. 

Lascia un commento