Menu
W la Rai e il canone.

W la Rai e il canone.

In questi giorni passa sugli schermi Rai l’avviso sul pagamento del canone. E’ diverso da quello degli scorsi anni perchè il Governo Renzi ha cambiato le regole del gioco. Il canone, da quest’anno, si paga direttamente con la bolletta della luce elettrica. Non c’è più la volontarietà del pagamento ma, come dire, ci verrà prelevata in comode rate, tutta la cifra che è pari a 100 Euro.

Non voglio entrare nel merito della liceità del prelevamento. Però una piccola cosa balza subito agli occhi: la RAI guadagnerà da questa operazione una cifra ben più alta che negli anni passati e i cittadini pagheranno meno.
Il risparmio è ci circa 14 euro. Non tantissimi a dire il vero però questa operazione ci porta a fare qualche piccola considerazione.
Io, per esempio ho sempre pagato regolarmente il canone. Guardo pochissimo la televisione ma ritengo che sia un servizio che debba essere necessariamente pagato. Come un film, una pizza, una partita di calcio. Alcuni obiettano: “ma è un pessimo servizio e buttano i soldi in cose stupide”. Non ho mai saputo di persone che si siano fatti rimborsare un biglietto per un orrido film o per una pizza rimasta sullo stomaco. E’ giusto pagare la qualità ma è necessario pagare per averla. Se, per esempio, pago la mia pizza due euro non potrò pretendere di avere un prodotto davvero genuino.
Ci sono poi quelli che dicono: “E’ caro”. Costava 9,5 euro al mese ed oggi costerà 8,3 Euro.
Domanda: quanto costa Sky al mese? Quanto costa una chiavetta internet al mese?
Il problema però non è solo questo. La televisione di Stato la guardano tutti e in tutte le fasce: ci sono programmi buoni ed altri meno buoni. E’ però l’unica televisione che il giorno della morte di Ettore Scola ha trasmesso ben due film (una giornata particolare e la famiglia) dimostrando di essere, davvero, una televisione di servizio.
Ultima questione: il pagamento coatto costringerà tutti a pagare la Rai. Anche quelli che non la pagavano e che vivevano sulle mie spalle e su quelli che il canone lo pagavano. Il buon Padoa Schioppa, ministro dell’economia del secondo governo Prodi disse che pagare le tasse era bellissimo. Chiaramente fu subissato da insulti bipartisan.
Anche io, a suo tempo, pensai fosse un iperbole, un’esagerazione poco condivisibile.
Però, a guardare questa operazione del canone Rai il buon Padoa Schioppa ci aveva preso: se tutti paghiamo il canone, la RAI avrà più fondi a disposizione e si spera, quindi, più programmi di qualità e se tutti, ma proprio tutti, paghiamo il canone, quello, come per incanto, diminuisce.
Se pagare significa pagare tutti e pagare meno le tasse diventano una cosa molto interessante.

Lascia un commento