Menu
Garantire l'istruzione universitaria anche ai detenuti

Garantire l’istruzione universitaria anche ai detenuti

 

La nuova sfida per l’Ateneo: permettere l’accesso agli studi universitari anche ai detenuti nelle carceri sarde. Il provveditore De Gesu: “Dopo aver puntato sul lavoro per il recupero dei condannati, ora puntiamo sulla formazione. L’obiettivo è ridurre ancora il rischio di recidiva, che in Sardegna è già attestato sulla metà dei valori registrati nel resto d’Italia”. Il Rettore Melis: “L’Ateneo è pronto a collaborare, mettendo a disposizione i corsi già attivi on line e ulteriori possibilità”. La docente di Criminologia Cabras: “Opportunità importante per i dipartimenti e per i nostri neolaureati”. Da parte dei detenuti manifestazioni di interesse, in particolare, per Giurisprudenza, Lettere ed Economia. Giampaolo Cassitta, direttore Regionale dell’ufficio detenuti:”Una grande opportunità per rimettersi in gioco”

Lascia un commento